VILLETTA


L’edificio è composto da un piano rialzato coperto da un solaio a falde inclinate. La soluzione proposta per la realizzazione comporta un reticolo di fondazione molto semplice, costituito da un unico elemento rettangolare al cui estradosso fuoriescono staffe di attesa per la muratura in elevazione.

esploso delle fondazioni e del corpo in elevazione

esploso delle fondazioni e del corpo in elevazione

 

vista 11

La struttura in elevazione è realizzata mediante elementi in polistirene a doppia faccia e alta densità, prodotti da M2. Il pannello consente di realizzare al suo interno un getto in cls dello spessore variabile da cm 10 a cm 20, per la realizzazione del muro portante vero e proprio, su cui appoggerà il solaio di copertura:

R05 pg10

 

Le caratteristiche di questo pannello fanno sì che una volta eseguito il getto di cls all’interno, esso realizzi una parete altamente isolante sia dal punto di vista termico, che acustico. Le specifiche tecniche sono descritte nella figura che segue:

 R05 pg11

 Per la realizzazione della copertura viene utilizzato l’elemento solaio a doppia pignatta. Anche questo prodotto, una volta completato il getto in opera dei travetti e della soletta superiore, assume caratteristiche di isolamento termico altissime, come si vede dalle schede seguenti:

R05 pg12

 

R05 pg13

Sul prospetto SUD dell’edificio è prevista una grande vetrata di oltre 9 metri di luce. Il progettista intende evitare la divisione di questo spazio vetrato con pilastri che ne spezzino la continuità. Anche la trave superiore che porta il solaio di copertura deve essere praticamente invisibile. La soluzione è stata trovata utilizzando una trave metallica DELTABEAM della Peikko:

vista 14

vista 13

che presenta quelle caratteristiche di robustezza torsionale e flessionale tali che ci consente di montarla senza utilizzare rompitratta. Inoltre una volta gettato il calcestruzzo del solaio, tutto l’elemento viene completamente inglobato sparendo alla vista. I fori nelle sue pareti danno la possibilità di far passare armature di continuità per realizzare lo sbalzo del solaio di copertura.

Anche le tramezzature interne sono realizzate con un componente industrializzato M2, a pannello singolo. Per il completamento delle strutture, viene poi eseguito un getto di intonaco strutturale con il sistema dello spritz-beton sulle due facce dei pannelli M2 e sull’intradosso del pannello solaio. In tal modo, anche al grezzo, l’edificio già presenta caratteristiche di isolamento termico e acustico che consentiranno al costruttore, una volta completata l’opera, di raggiungere un alta classe di risparmio energetico, senza la necessità di ulteriori interventi.